Audi A4 Avant Quattro Edition – prova su strada

 

 

L’Audi A4 attuale (codice B9) è sul mercato dal 2015, e da allora ha sempre mantenuto uno tra i primi posti nelle classifiche di vendite del segmento, soprattutto per la versione Avant, ben conosciuta da generazioni per la comodità di passeggeri e di un ampio bagagliaio.

Avendo a disposizione un esemplare pre restyling 2019, abbiamo voluto dedicare spazio ad un resoconto dei quattro anni di vita del modello e fare una panoramica sull’ampio mondo dell’usato.


 
 

Lunga 473 cm e larga 184, appartiene al segmento D, di cui fanno parte concorrenti come BMW serie 3, Mercedes Classe C, Opel Insignia

Lo stile, tenendo fede alla pulizia tipica delle Audi, è comunque piuttosto aggressivo e filante. Il nostro esemplare, blu, è equipaggiato con cerchi da 18 pollici che ben si integrano nell’assieme.

La dotazione può includere molta tecnologia per la sicurezza, come i fari full led o il radar per frenata automatica e d’emergenza, riconoscimento pedone, cruise control adattivo, l’avviso di angolo cieco, ma è comunque nell’insieme che la A4 si dimostra un’auto di alto livello, come qualità meccanica e finiture, o per la cura aerodinamica nel sottoscocca carenato, e nei dettali come gli specchietti.

Particolare importante per un’auto di tutti i giorni, menzioniamo la ben conosciuta trazione integrale permanente Quattro, una carta in più nel ruolo della sicurezza attiva anche per chi non va per forza in montagna o in fuoristrada, ma anche solo per una giornata di pioggia o col fondo viscido.


 
 

La versione Avant, con un bagagliaio più sfruttabile, una buona profilatura aerodinamica, il motore giusto, il cambio automatico è espressamente pensata per viaggi comodi, e con i pacchetti di assistenza alla guida, interessante nelle lunghe trasferte autostradali.

Per dovere di cronaca, i consumi della nostra prova, in montagna e tutto tranne che ecofriendly, sono stati di circa 7.1 litri per 100 km, cioè 14 con un litro. Data la tipologia di auto, è un gran buon risultato, solo in parte condizionato dalla trazione integrale e comunque favorito dal cambio automatico che ha sempre il rapporto giusto per ogni andatura, e comunque tiene d’occhio anche le percorrenze. In autostrada è possibile migliorare ulteriormente a circa 16 km/l a velocità codice, perciò nel complesso, la parte del powertrain è stata soddisfacente.

Ed eccoci ai prezzi: l’allestimento Quattro Edition del nostro esemplare parte da 51820 euro, e con qualche optional tra cui la vernice, il pacchetto Evolution con fari e bagagliaio elettrico, il cockpit digitale e altro, è possibile arrivare sulla soglia dei 60000 euro.

Poiché l’auto è uscita nel 2015, gli esemplari sul mercato dell’usato (tra l’altro tutti Euro 6) sono piuttosto recenti e appetibili, se non si ha tali cifre da spendere ma si vuole avere comunque un’auto ben rifinita e con un ampio bagaglio tecnologico. Siccome la A4 Avant è diffusa nelle flotte aziendali, soggette a continui ricambi, è possibile trovare esemplari di un paio d’anni (parliamo dello stesso motore, allestimento e cambio) a partire da 25000 euro e con meno di 100000 km, a salire man mano che ci si avvicina al nuovo. Nel caso invece voleste rivenderla, mantiene comunque uno dei più alti valori dell’usato fra le station wagon del segmento, facendola un’auto interessante sia per chi compra e rivende spesso, sia per chi cerchi un’auto ben fatta da tenere parecchi anni.


 
 

Per maggiori informazioni su interni, guida e altro, vi invitiamo a vedere la prova sul nostro canale Youtube. Per venire incontro alle richieste di chi vuole recensioni più agevoli sia chi ama approfondimenti, abbiamo deciso di realizzarne una corta ed una estesa per questa e le prove di auto che seguiranno. Saranno per il momento entrambe pubbliche per tutti, successivamente quella estesa sarà disponibile gratuitamente iscrivendosi al canale Youtube.

Fateci sapere nei commenti la vostra opinione, buona visione.

Di Luca, Marcello, Matteo

Ringraziamo il nostro amico Daniel C. per il supporto durante le riprese.

[Foto e video: Automobilissimo.com]